Mangiare da sconosciuti? No, social eating!

Indovina da chi vai a cena? Un nuovo modo di uscire a mangiare sta conquistando gli italiani. Si assaggiano le specialità di cuochi dilettanti ma talentuosi direttamente a casa loro, insieme ad altri ospiti mai visti prima. E per gli appassionati di cucina che hanno voglia di aprire il loro ristorante domestico un modo per mettersi alla prova

Si chiama social eating, e in un paio d’anni le piattaforme online si sono moltiplicate. Partecipare è facile: si sceglie la casa in cui cenare in base al menu, alla location e alle recensioni; ci si mette in lista e se viene raggiunto il numero minimo di partecipanti, si paga online e ci si vede direttamente a cena.

I prezzi variano, ma sono fissi (dai 15 ai 70 euro, a seconda delle scelte dello chef), senza sorprese. La vera sorpresa, spesso, è il livello della cucina e la gradevolezza della situazione. Siete curiosi di provare? Ecco 5 piattaforme top.

Gnammo

Il più diffuso in tutta Italia (cercate la vostra città, c’è di sicuro!), ha recentemente annunciato  il prossimo arrivo del nuovo format Social Restaurant, che permetterà di unire social eating e ristorazione tradizionale: il ristoratore potrà infatti inserire sulla piattaforma la propria proposta, con menù, prezzo, posti disponibili.

Vizeat.com

“Ovunque tu vada prenota una tavola da gente locale”, è il claim di questa piattaforma di respiro internazionale. Roma, Milano, Bologna e Firenze; ma anche Parigi, Berlino e New York…

Le Cesarine

Questa è la piattaforma perfetta per chi crede che “i tortellini come la nonna mai”: le Cesarine sono una rete di padrone di casa – oltre 500 in 150 città italiane –  prescelte attraverso un’accurata selezione da HomeFood per custodire e diffondere il patrimonio di sapienza, tradizione e cultura nascosto nelle mille ricette della nostra cucina regionale.

Peoplecooks.com

Mangiare come a casa e anche meglio, risparmiando: su questa piattaforma un pranzo (o una cena) costituito da primo, secondo, un frutto e acqua non potrà superare il costo di 6 euro. Questa piattaforma prevede un abbonamento annuale di 20 euro per diventare cooker.

Kitchenparty.org

La piattaforma funziona in due modalità. La prima è di social eating classico, si mangia cioè a casa di cuochi domestici (home dining) oppure puoi prenotare un posto al Community Table di vari locali della città.

Pubblica un commento

TI SUGGERIAMO

LEGGI ALTRI

Bologna

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...